CANARINA:

Principale

Che siamo noi?

Testimonianze

Domande

Contatto

DEMO

Giornali

Mondo

Clienti

Catalogo

Prezzo

 

DESCAR:

DESCAR

Applicazioni

Vantaggi

Importazione

Algoritmi

Dati I

Dati II

Media

Funzioni

Grafica I

Grafica II

Google maps

Di lavoro con SIG

Termoclino

3D e 2D

 

Wikipedia:

Inquinamento I

Inquinamento II

Inquinamento III

Inquinamento IV

Inquinamento V

Inquinamento VI

Inquinamento VII

Inquinamento VIII

Inquinamento IX

Inquinamento X

Inquinamento XI

 

Inquinamento X · valutazione impatto ambientale

                           

Applicazioni 1: monitoraggio acqua · contaminazione acqua · controllo della contaminazione · inquinanti nelle acque  · inquinamento industriale · inquinamento aria e acqua · valutazione impatto ambientale · inquinamento delle acque · inquinanti nell acqua ·  inquinamento dell acqua · contaminazione · normativa ed problema idrico · progetto inquinamento

 

L'aspetto igienico

Lo smaltimento dei reflui in una città come in un qualunque altro agglomerato di abitazioni è un problema della massima importanza. Le deiezioni contengono sempre miliardi di germi molti dei quali possono essere causa di gravi malattie, pertanto devono essere allontanate dai centri abitati nel più breve tempo possibile.
Nelle fattorie isolate, nei villaggi e in tutte le località in cui manca un impianto pubblico di fognatura, un tempo si usavano le cosiddette "fosse settiche". Nelle comunità più grandi, le deiezioni venivano allontanate per mezzo di apposite condotte che sfociavano in mare, nei laghi e nei corsi d'acqua. In altre comunità, le deiezioni venivano trattate secondo precisi piani di smaltimento.

Le fogne di una città talvolta raccolgono anche le acque piovane provenienti dalle strade e dai tetti delle abitazioni. Un sistema di fognature atto a raccogliere tanto le deiezioni delle case e degli stabilimenti, quanto l'acqua piovana delle strade è detto "sistema combinato" o "misto". Sempre più spesso, però, si usano fognature separate: le une per le acque piovane, le altre per i reflui urbani, perché con questo sistema si evitano gli incresciosi gorghi nei pozzetti più a valle o dove il flusso trovi un intoppo (tappo idraulico) tali che le acque bianche mescolate a quelle nere, esondando oltre il piano viario, possono essere causa di diffusione di batteri dannosi per la salute umana e di conseguenti epidemie.

La fossa settica, usata per la sistemazione privata delle deiezioni, è fatta di mattoni, o calcestruzzo o metallo, ed ha la capacità di almeno due quintali. Le deiezioni entrano nella fossa e vengono invase da particolari batteri che vivono nelle sostanze di rifiuto solide e che distruggono i batteri dannosi pullulanti nelle sostanze liquide. I liquidi, poi, escono dalla fossa attraverso un sistema di "tubature collegate" sistemate subito sotto la superficie del suolo. Infine, questi liquidi vengono assorbiti dal terreno. Questo scolo di liquidi nel terreno non è pericoloso a meno che non avvenga in comunità troppo popolate, dove troppo liquido potrebbe penetrare nel terreno, sino a saturarlo.

La sistemazione delle deiezioni in una città costituisce un problema molto più complesso. Dalle tubature delle case private, degli edifici pubblici e degli stabilimenti, le deiezioni vengono raccolte in grandi condotti, dove, in seguito a speciale trattamento con calce, o con una miscela di calce ed alluminio, oppure ancora con calce e solfato ferroso, si decompongono.

Per prevenire l'accumularsi dei gas velenosi od esplosivi, che si formano dalle deiezioni in decomposizione, le tubature devono essere sufficientemente ventilate. È per questo che, a distanza di una decina di metri l'uno dall'altro, vengono collocati, nelle condutture, dei serbatoi, o camere, chiusi con una grata di ferro, dalla quale l'aria possa passare. Vengono anche predisposti dei "sifoni" per evitare che questi gas tornino nelle case. In queste trappole, si raccoglie, appunto, l'acqua che impedisce ai gas di tornare indietro.

Le città che dispongono di un proprio impianto per la eliminazione delle immondizie e delle deiezioni usano vari sistemi. Comunemente, vi è un serbatoio di separazione usato per separare le sostanze metalliche, ed altre sostanze inorganiche. Successivi serbatoi, a volte riscaldati, raccolgono le immondizie permettendo nel contempo all'aria di penetrarvi lentamente. L'aria tiene le immondizie in continuo movimento (e a questo scopo si possono usare anche dispositivi meccanici) e procura l'ossigeno per i batteri e altri organismi che si nutrono di immondizie. Con questo sistema, si ottiene la distruzione dei batteri dannosi e un certo grado di liquefazione delle materie solide. I liquidi vengono, a volte, spruzzati in aria, dove i batteri rimasti vengono distrutti dall'azione dell'ossidazione e dei raggi ultravioletti del sole. Dopo questo processo, possono venire immessi, senza pericolo, in corsi d'acqua, ma per maggior sicurezza vi si aggiungono sostanze germicide. I materiali solidi vengono estratti dal serbatoio di decomposizione, detto anche serbatoio digerente, essiccati e venduti come fertilizzanti.

 

 

 

           (aria)             (acustico)                (elettrosmog)  

 

valutazione impatto ambientale

                                                                               

Canarina Software Ambientale

Software per società di consulenza ambientale

Santa Cruz de Tenerife, Isole Canarie, Spagna

e-mail: contatto

 

  

European Union · network on Pollution

Member of MAPO: European network on Marine Pollution

 

 

      Flag of Portugal 

 

  italiano:        

 

castellano:   

 

 français:   deutsch:     

 

english:   português:  

  APLICACIONES castellano: DIS CUS DES  RAD   english: DIS CUS DES RAD  

 

deutsch: DIS CUS  DES  RAD   português: DIS CUS DES RAD  

 

italiano:   DIS CUS   RAD français:  DIS CUS DES RAD