CANARINA:

Principale

Che siamo noi?

Testimonianze

Domande

Contatto

DEMO

Giornali

Mondo

Clienti

Catalogo

Prezzo

 

DISPER:

DISPER

Applicazioni

Vantaggi

Dati I

Dati II

Dati III

Dati IV

Dati V

Media

Funzioni

Algoritmi I

Algoritmi II

Algoritmi III

Grafica I

Grafica II

Inquinanti I

Inquinanti II

Inquinanti III

Aria I

Aria II

Aria III

Topografia

Importazione

Google maps

Odore

Flare

Modelli e GIS

3D e 2D

 

L'Aria III · software · vigilanza ambientale

                             

Applicazioni 2: analisi ambientale · ecosistema · inquinamento aria · qualità ambientale · idrocarburi · diossina · sostanze tossiche · vigilanza ambientale · inquinanti · scienze ambientali · consulenza e monitoraggio ambientale ·  inquinamento ed aria · flare di sfogo del gas · odore · emissioni tossiche

 

Lo smog fotochimico

 

Lo smog fotochimico è un particolare inquinamento dell’aria che si produce nelle giornate caratterizzate da condizioni meteorologiche di stabilità e di forte insolazione. Gli ossidi di azoto (NOx) e i composti organici volatili (VOC), emessi nell’atmosfera da molti processi naturali od antropogenici, vanno incontro ad un complesso sistema di reazioni fotochimiche indotte dalla luce ultravioletta presente nei raggi del sole; il tutto porta alla formazione di ozono (O3), perossiacetil nitrato (PAN), perossibenzoil nitrato (PBN), aldeidi e centinaia di altre sostanze.

 

Tali inquinanti secondari vengono indicati col nome collettivo di smog fotochimico perché sono generati da reazioni chimiche catalizzate dalla luce e costituiscono la componente principale dello smog che affligge molte città ed aree industrializzate. Questo particolare smog si può facilmente individuare per il suo caratteristico colore che va dal giallo-arancio al marroncino, colorazione dovuta alla presenza nell’aria di grandi quantità di biossido di azoto.

 

I composti che costituiscono lo smog fotochimico sono sostanze tossiche per gli esseri umani, per gli animali ed anche per i vegetali, inoltre sono in grado di degradare molti materiali diversi per il loro forte potere ossidante.

 

Lo smog può essere distinto in due tipi principalmente:

Lo smog di Londra, ossia quello causato da una forte industrializzazione e da gas di scarico di industrie chimiche

Lo smog di Los Angeles, ossia quello causato da un forte traffico, principalmente concentrato nelle metropoli

 

Smog ed effetto serra

 

Lo smog inoltre contribuisce ad aumentare l'effetto serra, poiché contribuisce alla formazione dei gas serra, che agiscono come pannelli riflettenti intrappolando il calore e riflettendolo nuovamente sulla superficie terrestre. In questo modo è come se il calore rimanesse "intrappolato all'interno dell'altmosfera": da qui infatti nasce poi la questione del surriscaldamento globale.

 

Smog e piogge acide

 

Con il termine "piogge acide" si intende generalmente il processo di ricaduta dall’atmosfera di particelle, gas e precipitazioni acide. Se questa deposizione acida avviene sotto forma di precipitazioni (piogge, neve, nebbie, rugiade, ecc.) si parla di deposizione umida, in caso contrario il fenomeno consiste in una deposizione secca. Solitamente l’opinione pubblica fa invece coincidere il termine piogge acide con il fenomeno della deposizione acida umida.

 

Le piogge acide sono causate essenzialmente dagli ossidi di zolfo (SOx) e, in parte minore, dagli ossidi d'azoto (NOx), presenti in atmosfera sia per cause naturali che per effetto delle attività umane. Se non entrano in contatto con delle goccioline d’acqua, questi gas e soprattutto i particolati acidi che da loro si formano pervengono al suolo tramite deposizione secca. Questa deposizione può avvenire secondo meccanismi differenti dettati principalmente dalle dimensioni delle particelle (per impatto e gravità), dallo stato d’aria a contatto con la superficie ricevente e dalla struttura chimica e fisica della superficie stessa. In ogni caso i depositi secchi di SOx e di NOx conducono rapidamente alla formazione dei relativi acidi al suolo.

Nel caso in cui questi gas entrino in contatto con l’acqua atmosferica allora si originano degli acidi prima della deposizione. In presenza di acqua gli ossidi di zolfo originano l’acido solforico, mentre gli ossidi di azoto si trasformano in acido nitrico; di conseguenza queste sostanze causano un’acidificazione delle precipitazioni. In effetti da alcuni decenni in molte zone del pianeta si sono registrate precipitazioni piovose, nevose, nebbie e rugiade con valori di pH significativamente più bassi del normale (pH 5,5), cioè compresi tra 2 e 5.

 

L’azione degli acidi che si formano direttamente in sospensione oppure al suolo provoca l’acidificazione di laghi e corsi d’acqua, danneggia la vegetazione (soprattutto ad alte quote) e molti suoli forestali. Oltre a questo, le piogge acide accelerano il decadimento dei materiali da costruzione e delle vernici; compromettono poi la bellezza ed il decoro degli edifici, delle statue e delle sculture patrimonio culturale di ogni nazione. Da notare che, prima di raggiungere il suolo, i gas SOx e NOx e i loro derivati, solfati e nitrati, contribuiscono ad un peggioramento della visibilità ed attentano alla salute pubblica.

(wikipedia)

 

 

Mappa delle concentrazioni di SOx generato da tre canna fumaria.

 

 

 

Mappa delle concentrazioni di SOx generato da tre canna fumaria.

 

 

 

 

          (acustico)                (acqua)         (elettrosmog)  

 

vvigilanza ambientale

 

                                                                               

Canarina Software Ambientale

Software per società di consulenza ambientale

Santa Cruz de Tenerife, Isole Canarie, Spagna

e-mail: contatto

 

  

European Union · network on Pollution

Member of MAPO: European network on Marine Pollution

 

 

      Flag of Portugal 

     italiano:         

 

castellano:   

 

 français:   deutsch:   

 

english:   português:  

 

 castellano: DIS CUS DES  RAD   english: DIS CUS DES RAD  

 

deutsch: DIS CUS  DES  RAD   português: DIS CUS DES RAD  

 

italiano:   CUS  DES RAD français:  DIS CUS DES RAD